THANOS BIOFUN

Logo_BiofunCaratteristiche

Con la decomposizione del cadavere inumato avvengono processi putrefattivi e, in seguito a queste reazioni, vengono rilasciate nel terreno sostanze che tendono a saturarlo. Se si integra il terreno con una selezione di microrganismi in grado di metabolizzare la materia organica, si migliorano le caratteristiche mineralizzanti. THANOS BIOFUN è un prodotto in polvere che, grazie alla sua base enzimatico-batterica bilanciata e molto attiva migliora le caratteristiche del terreno. La dose di 1 Kg. è capace di trattare 1,5/2,0 mc. di terreno.

Situazioni e modi di impiego

Nei primi anni dopo il decesso i processi putrefattivi del cadavere determinano la produzione di gas e liquidi. Nel caso del feretro inumato, i primi non danno problemi in quanto vengono filtrati dal terreno e si disperdono nell’atmosfera, mentre i liquidi, specie in terreni limoso-argillosi, rimangono intrappolati nelle immediate vicinanze del feretro combinandosi coi terreni, formando sostanze ricche di nitriti e nitrati.
Lo strato di terreno limoso-argilloso in presenza di falde acquifere alte, rallenta i normali fenomeni putrefattivi del cadavere e favorisce l’insorgere di fenomeni conservativi.
Con l’utilizzo di THANOS BIOFUN si rigenera il terreno di un campo di inumazione sottoposto a diversi turni di rotazione oppure si migliorano le caratteristiche dei terreni con scarse capacità mineralizzanti.
All’atto dell’inumazione del feretro è sufficiente addizionare 1 Kg. di THANOS BIOFUN a circa 1,5/2,0 mc. di terreno, che successivamente sarà posizionato intorno alla cassa.
Si consiglia di miscelare uniformemente THANOS BIOFUN col terreno. Per aumentare ulteriormente l’azione del prodotto è sufficiente depositare un leggero strato di THANOS BIOFUN puro sul fondo della buca nella quale andrà calato il feretro.

Trattandosi di un prodotto che agisce per azione enzimatico-batterica necessita di una umidità non inferiore al 40% per attivarsi e mantenersi.

THANOS FUNGEL

Logo_FungelCaratteristiche

La decomposizione del cadavere avviene mediante processi putrefattivi che provocano la formazione di liquami cadaverici e di sostanze maleodoranti. Se si interviene sul controllo e nella selezione dei microrganismi in grado di metabolizzare la materia organica, si riduce la formazione di cattivi odori assorbendo nel contempo i liquidi cadaverici. THANOS FUNGEL è un prodotto in polvere che, grazie alla sua composizione bilanciata di enzimi, microrganismi e sostanze assorbenti, è in grado di trattare, neutralizzandoli, fino a 40 litri di liquami cadaverici ogni Kg. di prodotto utilizzato, nell’arco di 2 anni.

Situazioni e modi di impiego

Dopo breve tempo dal decesso ed in funzione delle condizioni ambientali e/o alle cause della morte, il cadavere cede dei liquidi. La fase colliquativa può durare diversi mesi o anche un paio d’anni. Se il cadavere è all’interno di una cassa di zinco o di altri materiali che impediscono la fuoriuscita dei liquidi, questi ultimi si raccolgono anche in quantità abbondante sul fondo, creando condizioni negative per la scheletrizzazione (la saponificazione della parte dorsale). Se invece i liquidi non sono trattenuti possono gocciolare dalla cassa di legno.

L’utilizzo di THANOS FUNGEL è diverso in funzione dei modi di impiego:

a) Inserito dall’impresario funebre al di sotto del cadavere, fra il fondo della bara di legno (o di zinco/plastica biodegradabile) e il corpo, la funzione di THANOS FUNGEL è inizialmente quella di assorbimento dei liquidi prodotti, anche in rilevante quantità. Successivamente gli enzimi ed i batteri presenti nel prodotto riducono la formazione di cattivi odori e creano un ambiente altamente favorevole alla scheletrizzazione. È consigliabile interporre fra il cadavere ed il fondo della bara un elemento distanziatore e spargere con uniformità 1 Kg. di THANOS FUNGEL .

b) Cosparso prima della tumulazione sul fondo del loculo o della vaschetta di raccolta dei liquidi cadaverici, è in grado di assorbire i liquami ceduti dal corpo in decomposizione, risolvendo situazioni di rotture di casse di zinco.

c) Non è inusuale al momento di estumulazioni straordinarie, ma talvolta anche in ordinarie, rinvenire salme inconsunte in presenza di liquami cadaverici. Per favorire le operazioni cimiteriali può essere utile versare THANOS FUNGEL sulle parti liquide, consentendo una quasi immediata azione assorbente. Il personale cimiteriale potrà più agevolmente traslare l’inconsunto in un nuovo contenitore. Ove si procedesse a ritumulazione con la stessa cassa l’azione di THANOS FUNGEL, in presenza di liquidi, favorisce nettamente la ripresa dei processi di scheletrizzazione.

Il prodotto contiene sostanze che si attivano nel momento in cui entra in contatto con i liquami cadaverici, purché entro 5 anni dal confezionamento. Nel caso in cui il prodotto venga a contatto con i liquami oltre tale termine, esercita unicamente un effetto assorbente che perdura nel tempo. Dopo l’assorbimento, la neutralizzazione avviene in 90-120 giorni.

THANOS LIQUOFUN

Logo_LiquofunCaratteristiche

Di norma la decomposizione del cadavere avviene mediante processi putrefattivi, ma in talune condizioni questi fenomeni vengono rallentati o addirittura bloccati. Se si interviene sul controllo e nella selezione dei microrganismi in grado di metabolizzare la materia organica, si può ripristinare il processo di scheletrizzazione. THANOS LIQUOFUN è un prodotto liquido che, grazie alla sua composizione (microrganismi a largo spettro di azione in unione a enzimi eso ed endocellulari in soluzione-sospensione bilanciata e molto attiva) è in grado di attivare i processi di scheletrizzazione rivitalizzando anche i batteri e gli enzimi presenti.

Situazioni e modi di impiego

THANOS LIQUOFUN è studiato specificatamente per operare in ambienti umidi, generalmente favorenti la saponificazione. Con bassa umidità è consigliato aggiungere al prodotto liquidi (ad es. acqua) meglio se in rapporto 1 a 1 o al minimo al 25% (cioè ¼ di litro d’acqua ogni litro di THANOS LIQUOFUN).

Trascorsi 10 anni nel caso di esumazioni ordinarie, o almeno 20 anni nel caso di estumulazioni si possono riscontrare sulle salme, rispettivamente, due tipi di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi:

a) SAPONIFICAZIONE con formazione di adipocera nel caso di cadavere inumato in terreno con eccesso di umidità. MUMMIFICAZIONE con carenza di umidità;

b) CORIFICAZIONE nel caso di cadavere tumulato.

In entrambi i casi, secondo quanto previsto dalla legge, si può procedere al riseppellimento degli inconsunti. A causa dei processi sopra menzionati i fenomeni putrefattivi dopo il riseppellimento sono anche essi fortemente rallentati. Con l’uso di THANOS LIQUOFUN, eventualmente combinato con prodotti coadiuvanti la rigenerazione del terreno (THANOS BIOFUN), si favorisce la ripresa dei processi che consentono la mineralizzazione, con l’addizione di enzimi e batteri, purché attivati da liquidi. Prima di reinumare il feretro è sufficiente aspergere 1 litro di THANOS LIQUOFUN e se non vi sono liquidi 1 litro di acqua sugli esiti dei fenomeni cadaverici conservativi.

Dopo 20 o più anni di tumulazione è frequente ritrovare salme inconsunte. Per evitare la movimentazione del feretro, e una nuova sepoltura in terra, conviene spruzzare direttamente dentro il feretro, attraverso un foro praticato (con trapano) nella cassa di legno e di zinco 1 litro di THANOS LIQUOFUN. I processi di scheletrizzazione potranno così riprendere e nel giro di un paio d’anni verificare significativi progressi.

THANOS NEFUN

Logo_NefunCaratteristiche

Neutralizzante di odori e disinfettante ad azione batteriostatica. THANOS NEFUN è un prodotto chimico liquido in cui sono presenti tensioattivi cationici, odorizzanti-coprenti. Il prodotto permette di abbattere drasticamente gli odori che si generano con i processi putrefattivi.

Situazioni e modi di impiego

Per evitare lo sviluppo di odori nel corso del funerale l’impresario funebre nebulizza 100 ml. di THANOS NEFUN sul materiale assorbente interno al feretro (THANOS FUNGEL, segatura, materassino, ecc.), da coprire con l’imbottitura. L’effetto deodorizzante durerà circa 2 giorni.

Le escursioni termiche stagionali possono provocare rotture del cofano di zinco e perdite di liquami cadaverici. Nelle vicinanze del tumulo interessato dalla rottura del feretro di zinco si avvertono odori nauseabondi. Il personale cimiteriale è costretto a lavorare in condizioni operative disagiate causate dalla presenza di cattivi odori e talvolta anche a rischio. Con l’uso di THANOS NEFUN si migliorano notevolmente, anche ai fini dell’applicazione del D. LGS. 626/94, le condizioni disagiate degli operatori cimiteriali.

In caso di rottura del cofano il modo di operare è il seguente:

– si pratica con il trapano un foro, di sezione opportuna, nel tamponamento del loculo;

– si inserisce nel foro un tubo di plastica flessibile collegato con una pompa capace di immettere nebulizzato 1 litro di THANOS NEFUN;

– si spruzza THANOS NEFUN nel loculo lasciando che espleti il suo effetto deodorizzante per almeno 30 minuti, quindi si smura.

L’utilizzo di THANOS NEFUN ha il notevole vantaggio che l’operatore non arriva mai a diretto contatto con il loculo in condizioni critiche e dal momento dell’intervento si migliora anche la situazione per i frequentatori del cimitero.